Fan Ho – Approasching Shadow – 1954

L’ombra

La notte poggia la sua ombra sulle labbra

mi si distende a fianco per sentire il corpo

i muscoli la pelle

l’umido tepore del mio ventre.

Con le  mani chiuse al caldo di lenzuola

la carezzo a lungo come nuvola bianca

nel crepuscolo dell’alba.

 

Gracili pensieri dell’amore  che si risvegliano nel buio.

 

Prima che fugga via. Prima che torni il giorno.

Prima che per tre volte

con lo sguardo rivolto all’orizzonte

negherò giurando d’essere stato amato.

  1. giuliana scrive:

    Ecco qual è la differenza.

  2. paola pdr scrive:

    Un vuoto che chiede il conto.
    Ma non accetta assegni a vuoto.
    Bella, era un po’ che non poeticavi Marcello. Stavo in pensiero…

  3. antonio sereno scrive:

    MA SEI TORNATO CON UNA NOTA PIUTTOSTO CRIPTICA…

Scrivi un commento