Michele Cascella, A passeggio nel viale alberato, 1951

Lungo i viali

Lungo i viali freddi come vene senza sangue
della città sepolta dal silenzio
gli alberi lasciano cadere sul nero dell’asfalto
piccoli soli appena all’alba 
già stanchi di brillare
nella monotonia del paesaggio.

Le case intorno hanno finestre
come pupille accecate dalla luce.
Attendono la fine di ogni giorno
quando nelle stanze illuminate di dolcezza
una famiglia intorno al tavolo
cerca sorridendo il senso della notte
per lasciarsi rapire
ciascuno dentro il proprio sogno.

Vado incontro agli alberi.
Mi segue lungo i marciapiedi
l’ombra del mio corpo.
È muta e mi si allunga ai piedi
dentro la cornice dello specchio che riflette
la mia anima abbandonata dai ricordi
e mi trascina ad ogni passo sul fondo della notte
senza volti, senza sguardi, senza varchi per fuggire.

Nel buio gli alberi si scuotono nel vento
come le onde d’una marea che sale
e soffoca le fiamme dei soli caduti sull’asfalto.
Fermo i miei passi sul limite del vuoto
con le mani tocco
le pareti fredde della notte in cerca della musica.
La sento risuonare oltre
con l’infinita pazienza della luce.

  1. giuliana scrive:

    Grazie per essere tornato a deliziarci con i tuoi versi.
    Solo “vossia” riesce a svelarci un aspetto dolceamaro al contempo del proprio sentire, servendosi di metafore uniche per originalità ed alto spessore creativo.
    Di fronte a tanta “bellezza” anch’io “fermo i miei passi sul limite” non del vuoto, ma della potenza dell’ARTE.
    Vale.

Scrivi un commento