foto di Mimmo Jodice

Statue

Distese sulla sabbia
carezzate dal mare
dal tempo e dall’incuria.
Simulacri dai volti sereni
immuni da peccato.
Alcuni con gli occhi chiusi
da pesante sonno in cui  si sognano
ancora prigionieri della pietra informe.
Altri puntati al cielo
con sguardi privi di emozioni
eppure fieri
della loro consistenza di maschere
ignare dell’artefice.
La loro carne inane e opaca
levigata dal fuoco d’innumerevoli tramonti
sembra respirare
in paziente attesa di riprendere vita.

Non sanno. Non possono sapere.

I loro occhi
scolpiti dall’artefice
hanno lo sguardo cieco della pietra.

  1. giuliana scrive:

    Grazie.
    Chi SA scrivere poesia non può non farne godere altri.
    Ancora grazie.

  2. Tina Mannelli scrive:

    Stupendi versi descrittivi. Eppure quando guardo una statua mi sembra che abbia un anima anche nella sua staticità. Un po dello scultore resta in loro. Molto bella la chiusa “I loro occhi scolpiti dall’artefice hanno lo sguardo cieco della pietra”
    Grande. Complimenti Marcello <3

Replica a Tina Mannelli