Natività

Natività

Ora che sei venuto al mondo cosa te ne fai
di quelle storie allegre che ti narrano
mostrandoti il biancore dei denti
come cavalli sfiniti dalla corsa.
Loro, vecchi amanti di una vita tessuta
dal tempo che si assomma al tempo,
nella speranza vana di comprendere
un corpo tremante d’amore.
Tu sei come apparso sulla soglia
assieme alla luce e alla carezza
che il mare ripete alle sue sponde.
Uno sciacquio di acque che corrodono
la sabbia o la pietra immobile
create per essere immortali.
Con occhi innamorati ti guardano.
Tu sei la speranza che unisce
il vuoto della vita alla pienezza della morte.

 

  1. antonio sereno scrive:

    CARISSIMO,
    NON ACCETTO LA VISIONE DI UN FIGLIO COLLEGATA AL NULLA DELLA VITA…

  2. paola pdr scrive:

    Non saremmo in grado di parlare dela morte se non fossimo mai nati. Per quanto riduttiva possa essere la vita è il tramite per aprire lo sguardo su questo universo.
    Ogni tanto ci penso a quanto grande sia e mi dico: “ma come mai tutto questo spreco?” siamo un puntino abitato nell’universo.
    Ma poi, ritorno sull’universo più importante: il pensiero che ci abita. E trovo pace.

Scrivi un commento